Ci-vita Festival dichiara il proprio immenso  cordoglio per le popolazioni colpite dal terribile sisma.  I ragazzi, gli artisti, le compagnie di ci-vita festival daranno luogo al festival, al proprio inno alla vita, dedicandolo con il cuore  a tutti coloro colpiti dal dramma  più terribile. Ci-vita festival nell’ambito della propria manifestazione istituira’ una raccolta fondi da versare nei conti istituzionali del ministero , dando esatta certificazione agli organi preposti al controllo .  Ci-vita Festival è solidarietà.

Counting down

L’APPETITO NASCE DALL’IMMAGINARIO. ROLAND BARTHES



:hrs:min:sec


Programma giornaliero


IL FESTIVAL

Ci-vita in festival, “La cultura della bellezza”, è il primo festival che celebra la “bellezza” della vita, che a dispetto dello slogan che contraddistingue da sempre Civita di Bagnoregio come “La città che muore” ha scelto Civita come location ideale per vivere appieno la rinascita della musica, dello spettacolo e dell’arte del vivere, bere bene e mangiare bene, a partire dal territorio e dai personaggi che nel loro ambito artistico e professionale hanno contribuito alla valorizzazione e alla promozione delle arti.
Accesso libero in zona belvedere

Street Food

Orari: dalle 12,00 alle 24,00
Ingresso giornaliero:

Festival

10 euro
comprensivi di bicchiere, taschina porta bicchiere per degustazione vino
dalle 18,00 alle 24,00
Prevendita

go2

WWW.GO2.IT


La rinascita del corpo

Il festival nasce dalla volontà di offrire un’esperienza legata al concetto del nutrimento del corpo e dell’anima, proporre dunque un percorso enogastronomico che sappia valorizzare i prodotti del territorio e soprattutto di qualità e allo stesso tempo che sappia rinvigorire il confronto culturale e artistico, grazie all’ospitalità di una città che per tradizione ha sempre avuto grandi potenzialità in virtù del proprio patrimonio storico, monumentale ed ambientale.

Civita di Bagnoregio

Nel corso dei quattro giorni Civita di Bagnoregio diventa un museo aperto, il paesaggio si modi ca grazie ai numerosi progetti artistici, culturali e performativi proposti e lo spazio pubblico si trasforma in un’area di confronto e condivisione di esperienze le- gate al piacere dell’enogastronomia, dell’arte e dello spettacolo.

STREET FOOD

Il villaggio enogastronomico è un’area di degustazione di prodotti nazionali di grande qualità, posto all’inizio del per- corso culturale è l’accoglienza offerta al turista per entrare nello spirito del Festival, occasione d’incontro per essere coinvolti in una concezione sana della vita, dove il corpo diventa tramite per un’esperienza di tutti e cinque i sensi.
…read more

DEGUSTAZIONE VINO

La Terra e i suoi frutti sono, per la sola loro esistenza, celebrazione della Vita. Assaporare ciò che essa dona è un atto atavico e imperituro, forse uno dei pochi che l’uomo non dovrà mai imparare e mai disimparerà, perché connaturato al suoIo più profondo.
Il viaggio tra le cantine d’Italia, a partire dall’Alto Adige, passando per la Toscana, l’Abruzzo e le Marche, per finire in Campania, è uno sguardo sulle eccellenze della viticultura nel nostro paese e sulle famiglie che permettono a questa tradizione tutta italiana di andare avanti.

In occasione del Ci-Vita Festival, dal 25 al 28 Agosto, si snoderà sull’incantevole affaccio sui Calanchi un percorso dedicato all’esclusiva degustazione di vini di selezionate cantine d’Italia che presenteranno i loro migliori prodotti. Per dare un’offerta di particolare pregio si intende affiancare alla degustazione esperienze guidate con esperti enologi chiamati ogni sera a presentare le caratteristiche e l’originalità dei vini presenti nel percorso.
…read more

CIBO PER LA VITA

L’iniziativa denominata “Cibo per la Vita“ è stata ideata e coordinata da alcuni docenti dell’Università della Tuscia e si articolerà in una serie di eventi riguardanti i settori agroalimentare e gastronomico. Si andrà alla ricerca dei diversi significati del cibo, a partire da quello culturale. Il mangiare non è soltanto l’occasione per soddisfare un bisogno corporeo, ma un fatto di fondamentale importanza per ritrovarsi e per dialogare, all’insegna della comunione sociale.

L’evento Expo 2015 ha evidenziato le sfide che l’umanità dovrà affrontare per soddisfare i crescenti fabbisogni di cibo. Si avverte l’urgenza di adottare pratiche di produzione agroalimentare ad elevato livello di sostenibilità e, d’altra parte, di far prevalere stili di consumo sobrio e responsabile del cibo. La cultura di una “sana e corretta alimentazione“ dovrà essere sempre più alla portata del consumatore, senza rinunciare completamente agli aspetti di piacere e seduzione che il buon cibo riesce ad evocare.

La serie di eventi proposti ruotano intorno ai molteplici aspetti di carattere culturale del cibo, a partire dalla profonda serie di conoscenze e capacità che servono per coltivare ed allevare animali nelle condizioni ambientali più disparate. Altrettanto importanti sono le basi conoscitive della trasformazione e conservazione degli alimenti, nonché del loro trattamento culinario, per la ricerca di combinazioni, piacere e benessere. Il consumo del cibo, in ne, permette di evidenziare scelte culturali, dettate dal rispetto e dall’attenzione per le proprie origini, per le tradizioni, per l’etica e la giustizia sociale, nonché dall’influenza esercitata sempre più diffusamente da mezzi di informazione.
Ad aprire, simbolicamente, le porte di Civita di Bagnoregio al Ci-Vita Festival, sarà la voce dalle eleganti sonorità jazz di un’artista a tutto tondo. Pilar (Ilaria Patassini) è, infatti, cantante, interprete, autrice e performer. Nata a Roma da padre etrusco e madre italiana nativa della foresta costaricense, unisce l’interpretazione vocale a un uso strumentale della voce, coniugando radici italiane popolari e latine, jazz e canzone d’autore, in un sound originale e contemporaneo, frutto di una formazione onnivora, popolare e accademica. Ha al suo attivo tre album, “Femminile Singolare” (VCM/01, 2007), “Spartenza” (in qualità di cantante dell’ensemble Sinenomine, Incipit Records/Egea 2009) e “Sartoria Italiana Fuori Catalogo” (Esordisco, 2011). È stata vincitrice e finalista di numerosi concorsi e Festival nazionali e internazionali (Musicultura, Premio Tenco, Premio Bindi, L’artista che non c’era, Premio Lunezia, NME Awards, Pjesma Mediterana, Premio Bianca d’Aponte). Collabora stabilmente con Bungaro, suo autore e produttore artistico. Dal 2014 lavora con il compositore Michael Occhipinti e il clarinettista Don Byron al progetto italo-canadese Sicilian Jazz Project. Il 30 ottobre 2015 è uscito il suo nuovo album di inediti, “L’Amore è dove vivo” (Esordisco).

A seguire, venerdì 26, ospite del Ci-Vita Festival sarà Francesca Comenicini, per la proiezione con relativo dibattito del suo Nuove Terre. L’agricoltura sociale e civica è l’argomento trattato dai 5 cortometraggi che compongono il documentario, realizzato in conformità al bando per progetti connessi alle finalità di EXPO 2015. La tematica centrale del bando era, appunto, “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”, dove il concetto di nutrimento non si limita alla mera funzione fisiologica, ma abbraccia funzioni altrettanto vitali per qualsiasi individuo: si mangia insieme, ma si produce anche insieme e contribuire alla creazione di qualcosa è forse l’atto di inclusione sociale più potente. “Nuove terre” sono oggi quelle in cui la funzione sociale di una pratica agricola diventa esplicita e rivolta in particolare all’inclusione attiva di persone svantaggiate.

SPETTACOLI E INCONTRI

Incontri con artisti, registi e professionisti dello spettacolo e del cinema per dialogare sul rapporto tra il loro lavoro e le immagini e i suoni che vedono il corpo sia come protagonista, reale o virtuale, che come destinatario.
In ogni ambito artistico (Teatro, Cinema, Animazione etc.), assume il ruolo di moderatore il prof. Emerito Ferruccio Marotti che, con l’ausilio di proiezioni di contributi filmati, dialoga con gli ospiti. Gli incontri si svolgeranno nel corso di tre serate, dalle 21,30 in poi, nella piazza principale. Nel corso della giornata si alterneranno spettacoli, azioni di strada incentrate sulla commedia dell’arte, incursioni teatrali e percorsi sensoriali delle due compagnie teatrali Bertolt Brecth e Confine Incerto.
SPETTACOLI E

INCONTRI

Gli incontri si svolgeranno nel corso di tre serate, dalle 21,30 in poi, nella piazza principale di Civita di Bagnoregio

http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/pilar.jpg

Sabina

Pilar

Giovedi 25 Agosto


http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/sabina_guzzanti-1.jpg

Sabina

Guzzanti

Venerdì 26 Agosto


http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/paolo_rossi-1.jpg

Paolo

Rossi

Sabato 27 Agosto


http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/Matteo_Garrone-1.jpg

Matteo

Garrone

Domenica 28 Agosto



MOSTRE E PROIEZIONI

Gli allestimenti costituiscono una tappa fondamentale del percorso culturale offerto al pubblico, che compie attivamente un piccolo viaggio fra le strade e i luoghi meravigliosi del borgo. Per questo sono previsti degli spazi permanenti con mostre, proiezioni cinematografiche e installazioni interattive sempre con tema il cinema, l’arte visuale e il cibo, realizzate in collaborazione con la Sapienza Università di Roma, l’Istituto Luce-Cinecittà, l’Archivio Storico del Cinema Italiano di Roma e il collettivo Quiet Ensemble.
personale di Lidia Bachis

Better to eat you

A cura di Valeria Arnaldi

Hänsel e Gretel, Alice nel Paese delle Meraviglie, fate e principi azzurri. È una vera e propria riflessione sulle fiabe, tra archetipi e icone, quella proposta da Lidia Bachis in una selezione di oli su tela e disegni, che “riscrivono”alcune delle storie più note della grande letteratura per l’infanzia. Un viaggio nel fantastico tra memoria e attualità alla ricerca del sogno. Di ieri e di oggi.
LUCI E SUONI

VIDEOMAPPING E INSTALLAZIONI URBANE INTERATTIVE

Si tratta di una sperimentazione di originali forme narrative esplorate attraverso la magia della luce, la sorprendente tecnica del videoprojection mapping architettonico e tridimensionale, l’ambiente sonoro generativo, la partecipazione attiva del pubblico. Un appuntamento artistico e culturale che invita Civita di Bagnoregio a coniugare le radici profonde della storia e delle storie che l’attraversano con il flusso dell’innovazione creativa promossa dalle tecnologie emergenti proposte da medialize.it. Si mettono in luce i beni culturali del Territorio, la poesia dei luoghi urbani meno consueti, la sorpresa di architetture virtuali che amplificano la percezione dello spazio pubblico e lo sguardo dello spettatore. Un’immersione nell’opera attraverso lo sguardo e il contributo creativo del pubblico. Una realtà alternata che interpreta e racconta il borgo in chiave new media e lo trasforma in uno speciale luogo dell’arte contemporanea.
made in medialize.it
http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/medialize.it_.png
NOW!

CONTEST EXPLOSION

Per gli artisti è aperto il CONTEST EXPLOSION, dedicato alla valorizzazione dei beni culturali con progetti applicati in spazi pubblici E che prevede la partecipazione ad un concorso di artisti nazionali e internazionali che intendono creare delle performance con sfondo la Chiesa del borgo. tutti i video selezionati saranno proiettati e una giuria di esperti sceglierà i vincitori.
Scadenza per l’invio dei video: 25 agosto ore 12.
CONTEST EXPLOSION
“… il paese che muore”

Civita di Bagnoregio

Tra i ‪‎Borghi‬ più belli e suggestivi d’Italia, Civita di Bagnoregio, a dispetto dello slogan che da sempre la contraddistingue come “La città che muore”, sarà location d’eccezione di Ci-Vita Festival, La cultura della bellezza.
Bagnoregio si trova al confine fra Lazio e Umbria.


come raggiungerci

IN AUTO

chi proviene da Nord
– Seguire l’A1 in direzione di Roma
– Da Firenze a Bagnoregio i tempi di percorrenza sono di circa 2 ore.
chi proviene da Sud
– Dopo aver lasciato l’A1 al casello di Orvieto proseguire sulla statale (Roma-Bagnoregio distano circa due ore).

come raggiungerci

IN TRENO

Le stazioni ferroviarie dove si può fare scalo per Bagnoregio sono due: Viterbo ed Orvieto, da dove si possono prendere gli autobus delle linee COTRAL per raggiungere Bagnoregio


location

Civita di Bagnoregio


Indirizzo

Via S. Maria del Cassero

Street Food

Belvedere – Bagnoregio

Email

info@ci-vita.it

Seguici sui social

Rimani in contatto con noi e seguici sui social per conoscere tutte le novità del festival!

UN EVENTO

http://www.ci-vita.it/wp-content/uploads/2015/12/ML_Terracotta-320x173.jpg

Terra Cotta S.r.l. riunisce l’esperienza e la professionalità maturata dai suoi soci nel roprio percorso individuale, in quasi trent’anni di attività, nel campo della ristorazione e dell’enogastronomia.
La comune passione è così coniugata in un progetto comune: offrire i servizi di Terra Cotta in occasione e al fine di organizzare eventi enogastronomici d’eccellenza, legati a manifestazioni e kermesse che costituiscano l’espressione di un alto valore artistico ed intellettuale.


Terra Cotta affianca da subito la direzione della manifestazione e partecipa con i propri collaboratori e con i propri partners -dalle migliori cantine ai più selezionati produttori gastronomici, tutti accomunati dal pensare alla qualità senza compromessi- alla costruzione dell’evento; nel suo ambito organizza e presenta agli ospiti la degustazione guidata, introduce gli stessi ai villaggi enogastronomici, e rende possibile nella manifestazione la realizzazione del piacere di bere e mangiare bene, nel territorio ed oltre, rifuggendo lo stereotipo del catering e rendendo unica ed inimitabile la propria prestazione: la cultura dell’Evento Terra Cotta, legata alle arti e ai luoghi di manifestazione del pensiero, che diviene un valore aggiunto e concorre al successo del singolo progetto.